• (Pre)giudizi soggettivi

    by  • 18 maggio, 2017 • EVENTI & FESTE, HOME, IN EVIDENZA, NEWS • 0 Commenti

    In occasione del Festival “In divenire. La precarietà come opportunità di cambiamento” -coordinato dallo sportello Informagiovani di Itri- è stata allestita la mostra collettiva “(Pre)giudizi soggettivi” presso il Castello Medioevale di Itri; la mostra resterà aperta al pubblico fino a sabato 20 maggio quando, in occasione della chiusura, si terrà un aperitivo in musica.

    A esporre sono fotografe itrane –Debora Iannaccone, Eleonora Lapierre, Lucia Soscia, Jessica Stravato, Serena Fantasia- che hanno raccontato, attraverso le immagini, la loro versione, la loro visione della realtà itrana: quello che sembra un mondo monolitico e unitario si frantuma nell’esperienza soggettiva di ognuno di noi e le artiste hanno voluto mostrare questa diversità di punti di vista legata al proprio vissuto. Il pregiudizio, quindi, non va inteso come termine negativo ma come approccio necessario alla realtà: ognuno di noi vive esperienze differenti e queste vanno a informare il pre-giudizio attraverso il quale interpretiamo il mondo che ci circonda. Non siamo difronte a un semplice ritratto di paesaggi del paese ma a una lettura fortemente orientata e semantizzata di quello che ogni itrano può avere sotto gli occhi ma che può vedere a proprio modo; sarebbe interessante quindi una buona partecipazione per poter discutere di ciò che quelle stesse foto possono suscitare, insomma, una seconda lettura da parte degli spettatori.

    Ad accompagnare la chiusura di questa mostra collettiva saranno i ritmi swing della “Quizàs acoustic Band” di Fondi e un piccolo aperitivo a cura di produttori locali che ci darà la possibilità di gustare le specialità nostrane: un evento intimo fatto di componenti semplici e familiari ma che permette un’esperienza multisensoriale in cui si mescolano musica, arte visiva e gusto.

    Vi aspettiamo sabato 20 maggio alle ore 19.00 presso il Castello Medioevale di Itri.

    Silvia D’Anzelmo

    About

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *